Cronaca

Smantellata una base di spaccio: sequestrata anche la droga “Pablo Escobar”

Arresto per droga a Castel Volturno, smantellata casa dello spaccio. In manette un 32enne originario del Ghana

Un arresto per droga Castel Volturno dove gli agenti della Polizia di Stato hanno smantellato una vera e propria casa dello spaccio. In manette un 32enne originario del Ghana, arrestato in flagranza di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti al termine di una operazione condotta dagli investigatori della Squadra mobile di Napoli e Caserta, con il supporto di personale cinofilo dell’Upg della Questura di Napoli.

Castel Volturno, 32enne in arresto per droga

I poliziotti, nell’ambito di indagini sul territorio, hanno appreso che il cittadino straniero aveva realizzato una vera e propria centrale di spaccio all’interno dell’abitazione nella quale viveva che, grazie alle garanzie di anonimato e sicurezza offerte dal luogo particolarmente isolato, era diventata in poco tempo molto fiorente.

Dopo aver individuato due acquirenti in possesso di droga, i poliziotti hanno effettuato un’irruzione nell’immobile, al cui interno hanno trovato quattro avventori intenti a consumare bevande, risultati successivamente estranei ai fatti, e il 32enne, poi arrestato, che alla vista dei poliziotti ha tentato di scappare ma è stato bloccato.

La droga sequestrata

In un marsupio in suo possesso sono state trovate 4 dosi di hashish, 6 dosi di marijuana e la somma di 85 euro in banconote di vario taglio, ritenuta provento di pregresse vendite di stupefacenti. La successiva perquisizione nell’abitazione, effettuata con l’ausilio del cane poliziotto Wumm, ha permesso di trovare in diversi posti della casa 190 stecche e un panetto di hashish, sul quale emerge il nome e il profilo di quello che è stato lo spacciatore più famoso di sempre, Pablo Escobar, per un peso netto complessivo di 308 grammi, 46 confezioni in cellophane e 2 buste sfuse di marijuana, per un peso netto complessivo di 131 grammi, e ancora la somma di denaro contante di 1.975 euro, suddivisa in banconote di vario taglio, anche questa ritenuta provento dell’attività di spaccio. Sono stati trovati infine strumenti di precisione e materiale idoneo al confezionamento dello stupefacente.

Articoli correlati

Back to top button