Cronaca

Casapulla, bimbi imboccati con forza e punizioni: chieste condanne dai 2 ai 3 anni, genitori lasciano l’aula per protesta

Asilo degli orrori di Casapulla: maestre e direttrice a processo. Genitori lasciano l'aula in segno di protesta

Emergono nuovi dettagli sulla vicenda dell’asilo degli orrori di Casapulla. Nei confronti della maestre accusate di aver maltrattato e picchiato i piccoli alunni sono state richieste condanne dai 3 ai 2 anni di carcere. Nel corso dell’udienza, le donne si sono scusate pubblicamente, provocando la reazione stizzita dei genitori che hanno lasciato l’aula in segno di protesta. 

Asilo degli orrori di Casapulla: maestre a processo

Come riportato da Casertace, sono finite a processo la direttrice dell’istituto, F.M., e le maestre V.E e A.L.S, indagate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere per maltrattamenti nei confronti dei piccoli alunni. Al termine della requisitoria, la pubblica accusa ha chiesto condanne di tre anni e 4 mesi per la direttrice, 2 anni e 4 mesi per A.L.S, 1 anno ed 8 mesi per V.E..

La vicenda

Gli orrori dell’asilo del Casertano vennero alla luce nel febbraio del 2022, al termine delle indagini condotte dai carabinieri della stazione di San Prisco. I militari, infatti, installarono delle telecamere nascoste nell’aula dove si consumavano le violenze.

Stando a quanto sottolineato dal gip, le tre “donne i sono rese responsabili di maltrattamenti aggravati, reiterate condotte di violenza fisica e psicologica e gravi omissioni nella cura e assistenza dei bambini tutti tra i 2 e i 6 anni. Condotte tali da ingenerare nei bambini uno stato di profondo timore e paura. Le tre imponevano ai piccoli punizioni umilianti o non rispettavano le più regole igiene durante la somministrazione dei pasti o il cambio dei pannolini”.

Articoli correlati

Back to top button