Cronaca

“Vendo aspirapolvere a un prezzo stracciato di 200 euro”, ma è una truffa: 4 denunce in Campania

Si tratta di tre cittadini residenti nella provincia di Caserta, uno residente a Bari e un cittadino straniero residente nel territorio napoletano

Vittime cadono nel tranello di annunci di vendita online di aspirapolvere a prezzi convenienti, ma è una truffa: le indagini dei carabinieri hanno portato ad identificare e denunciare 4 persone, si tratta di tre cittadini residenti nella provincia di Caserta, uno residente a Bari e un cittadino straniero residente nel territorio napoletano.

Annunci online di vendita di aspirapolvere, ma è una truffa

Sono quattro le persone denunciate a seguito di una mirata indagini svolta dai carabinieri nel Cremonese, scattate dopo alcune segnalazioni di truffe via web. Si tratta di tre cittadini italiani, un 66enne e un 45enne residenti in provincia di Caserta, un 53enne residente in provincia di Bari e un cittadino straniero di 43 anni residente in provincia di Napoli.

Le indagini

Tre le attività di indagine condotte dai militari. Nel primo caso, avvenuto all’inizio dello scorso mese di maggio, la vittima aveva deciso di acquistare un aspirapolvere del prezzo di 200 euro tramite annuncio online. Aveva contattato il venditore e definito pagamento e consegna.

Non è restato altro che inviare subito metà dell’importo tramite bonifico bancario, ma dopo l’anticipo, il venditore si è reso irrintracciabile. La vittima ha presentato denuncia e hanno individuato e denunciato un 66enne residente nel Casertano.

Il secondo caso

Nel secondo caso, avvenuto a metà luglio, la vittima aveva tramite social comprato degli indumenti e pagato un importo pari a 180 euro come anticipo. Non avendo ricevuto alcuna consegna e cercato di rintracciare il venditore che non si era più reso disponibile: ha quindi denunciato tutto ai carabinieri.

Per l’accaduto è stato denunciato un cittadino italiano di 53 anni, residente a Bari. La terza denuncia viene presentata da una donna, che a inizio mese di luglio, ha tentato di acquistare del pellet su un sito internet per un importo di 215 euro. Anche in questo caso il modus operandi è lo stesso. Le verifiche sul numero di telefono e sull’Iban fornito hanno permesso di rintracciare i responsabili: sono stati denunciati un cittadino italiano di 45 anni, residente nel Casertano e un cittadino straniero di 43 anni, residente nel Napoletano.

Articoli correlati

Back to top button