Cronaca
Trending

Camorra, dopo gli arresti le condanne al clan Piccolo-Letizia: i nomi

Dopo gli arresti arrivano le condanne per 22 imputati accusati di camorra e legati al clan Piccolo-Letizia di Marcianise, anche noto come Quaqquaroni. Nel complesso, per i 22 imputati sono scattate condanne per due secoli e mezzo di detenzione come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Camorra, dopo gli arresti le condanne al clan Piccolo-Letizia

I giudici della Suprema Corte di Cassazione hanno confermato le pene, valutando il nuovo ricorso dopo la conferma di secondo grado in Corte di Appello di Napoli. Le condanne erano state decise dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere due anni fa che hanno retto in tutti i tre gradi di giudizio.

I fatti sono legati ad alcuni episodi di criminalità organizzata firmati da clan protagonista a fine anni Novanta di una faida con il clan Belforte che portò a decine di morti. Da quello scontro armato, i Piccolo-Letizia ne uscirono sconfitti. Gli arresti ed i pentimenti del clan Belforte portarono ad un nuovo capitolo della faida e partire dal 2005 la loro attività illecita è andata avanti.

I nomi e le condanne

Di seguito, tutte le condanne:

  • Fabio Buanno 2 anni (2 anni in continuazione per complessivi 7 anni e 4 mesi);
  • Luigi Caterino 1 anno (1 anno in continuazione per complessivi 8 anni e 7 mesi);
  • Francesco Antonio Celeste 1 anno (1 anno in continuazione per complessivi 5 anni e 6 mesi);
  • Maria Cristiano 6 anni e 8 mesi (6 anni e 8 mesi);
  • Pietro De Lise 2 anni (2 anni in continuazione per complessivi 9 anni e 4 mesi);
  • Antonio Letizia 20 anni (26 anni);
  • Giuseppe Letizia 6 anni e 8 mesi (8 anni);
  • Primo Letizia 6 anni e 4 mesi;
  • Michele Maietta 9 anni (10 anni in continuazione per complessivi 12 anni);
  • Antimo Mastroianni 20 anni;
  • Antonio Nacca 13 anni;
  • Luigi Noia 10 anni e 8 mesi;
  • Giovanni Perreca 20 anni;
  • Achille Piccolo 20 anni;
  • Angelo Piccolo 6 anni e 8 mesi;
  • Palma Bellopede Piccolo 6 anni e 8 mesi;
  • Domenico Piccolo 6 anni;
  • Francesco Piccolo (13 anni e 4 mesi in continuazione con pena complessiva di 16 anni e 4 mesi);
  • Pasquale Piccolo 20 anni (20 anni in continuazione con pena complessiva a 27 anni e 6 mesi);
  • Vincenzo Timbone 9 anni e 6 mesi.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali. È responsabile della redazione centrale del network giornalistico L'Occhio.

Articoli correlati

Back to top button