Cronaca

Aggredirono attacchini della ditta rivale a Santa Maria a Vico, assolti due fratelli

Cade l'accusa di tentata estorsione. Pene soft per i fratelli Michele e Lello Vanacore, di 46 e 34 anni, titolari di un'impresa di pompe funebri di Santa Maria a Vico

Aggressione agli attacchini della ditta rivale, condanne leggere per 2 fratelli a Santa Maria a Vico. Cade l’accusa di tentata estorsione. Pene soft per i fratelli Michele Lello Vanacore, di 46 e 34 anni, titolari di un’impresa di pompe funebri di Santa Maria a Vico, che hanno incassato rispettivamente 10 e 4 mesi di reclusione per lesioni personali (Michele) e danneggiamento (Lello).

Santa Maria a Vico: aggressione agli attacchini della ditta rivale, la sentenza

Il collegio presieduto dal giudice Meccariello del tribunale di Santa Maria Capua Vetere accogliendo le tesi dei difensori dei due, gli avvocati Michele Ferraro e Marianna Febbraio, ha assolto i due fratelli dall’accusa più grave, comminando pene ‘leggere’ solo per i reati più lievi.

L’accusa

Secondo l’accusa, i due avrebbero avvicinato due dipendenti di una ditta rivale, la “Fratelli Iorio” di Maddaloni, mentre erano intente ad affiggere un manifesto funebre. Secondo quanto denunciato dai dipendenti, i fratelli Vanacore li avrebbero minacciati ed aggrediti. Michele avrebbe picchiato uno dei dipendenti mentre Lello avrebbe danneggiato il furgone con cui stavano lavorando utilizzando una mazza.

Articoli correlati

Back to top button