Cronaca

Coltello alla gola per violentarla, poliziotti salvano una donna a Caserta

Caserta, donna rischia di essere violentata: 51enne in manette e trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Shock a Caserta dove la Polizia ha salvato una donna che stava per essere violentata. La Polizia di Stato di Caserta ha tratto in arresto, nel pomeriggio di domenica 24 aprile un cittadino ucraino, 51enne, in quanto ritenuto responsabile del reato di violenza sessuale ai danni di una connazionale.

Donna rischia di essere violentata, 51enne arrestato a Caserta

In particolare, gli operatori della Squadra Volante della Questura di Caserta intervenivano in uno stabile del capoluogo, sito nel centro cittadino, a seguito di nota giunta sul numero di emergenza 113 che segnalava le urla di una donna in difficoltà provenienti da un appartamento.

Dopo aver tempestivamente individuato l’esatto immobile, gli operatori vi facevano accesso, trovando un uomo in evidente stato di alterazione alcolica ed ancora una donna, impaurita ed in forte stato di agitazione, che presentava i pantaloni strappati.

L’aggressione

Quest’ultima riferiva delle pressanti avances sessuali fino a poco prima effettuate dall’uomo, al culmine delle quali, dopo averla minacciata con un coltello alla gola, aveva tentato di violentarla; proposito non portato a termine grazie al tempestivo intervento degli operatori della Squadra Volante.  

Il personale sanitario intervenuto riscontrava sul collo della donna alcuni segni legati evidentemente al contatto con l’arma da taglio utilizzata per minacciarla. Al termine delle ulteriori indagini esperite, che consentivano pure di rinvenire e sequestrare l’arma bianca utilizzata, l’uomo veniva tratto in arresto per tentata violenza sessuale aggravata e trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button