Cronaca

Caserta, perde la voce e viene demansionata: docente fa causa al Miur e la vince

Caserta, perde la voce a causa di un intervento chirurgico e viene demansionata: docente fa causa al Miur e la vince

Una docente perde la voce e viene prima relegata in amministrazione e poi demansionata a personale Ata a Caserta. La donna fa causa al Miur e la vince. Il Ministero dell’Istruzione è stato condannato al pagamento delle spese del processo e dello stipendio.

Docente perde la voce a Caserta e viene demansionata: vince la causa

Secondo quanto riportato da Amalfinotizie, la donna, di 50 anni, ha avuto problemi di afonia a causa di un intervento chirurgico e per questo era stata demansionata a persona Ata. Convinta di essere stata ingiustamente penalizzata, si è rivolta ad un avvocato. Il fatto è accaduto nel comune di Aversa, nel Casertano. Nonostante la voce non era ritornata, l’insegnante fu ugualmente sottoposta a una verifica di idoneità psicofisica previste per i dipendenti pubblici. Il risultato fu un’inidoneità permanente alla funzione di docente, nonostante il chirurgo avesse accusato la donna di aver recuperato totalmente la voce. Così, la docente era passata prima agli uffici amministrativi, per poi essere messa in aspettativa per infermità.

La donna non perde animo e denuncia l’evento

La donna non si è persa, però, d’animo e ha ingaggiato un avvocato che ha impugnato il giudizio di inidoneità alla Commissione medica di verifica. Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Napoli ha dato ragione alla 50enne che è stata reintegrata alla sua mansione di docente. Il Ministero dell’Istruzione è condannato al pagamento delle spese del processo e dello stipendio della docente per tutto il periodo in cui è stata in aspettativa, quindi di due anni.

Articoli correlati

Back to top button