Cronaca

Caserta: l’ordinanza “anti aperitivi” non è bastata, folla in piazza Margherita

Centinaia di ragazzi in strada per 'festeggiare' l'ultimo sabato prima di Natale. Assembramenti a Caserta, Aversa e Santa Maria Capua Vetere

Ieri, sabato 19 dicembre, a Caserta, in piazza Margherita, una folla di giovani era per strada a festeggiare. L‘ordinanza ‘anti aperitivi’ e anti assembramenti su Caserta, Aversa e Santa Maria Capua Vetere non ha funzionato. Nonostante divieti, controlli e anche ‘minacce’ di sanzioni, migliaia di persone si sono riversate in strada per ‘festeggiare’ questo ultimo weekend prima del Natale.

Folla in piazza Margherita a Caserta, l’ordinanza non ha funzionato

Che fosse un fine settimana delicato lo avevano capito anche i 3 sindaci di Caserta (Carlo Marino), Aversa (Alfonso Golia) e Santa Maria Capua Vetere (Antonio Mirra). I sindaci avevano chiesto un confronto con Prefetto, Questore e massimi vertici provinciali dei Carabinieri e Finanza.

Dopo il confronto emerse l’esigenza dell’ordinanza di “divieto di consumo di bevande alcoliche nelle aree pubbliche, aperte al pubblico e soggette ad uso pubblico”, per i giorni 19 e 20 dicembre, dalle ore 11 alle 22 (oltre ai divieti già previsti dal Dpcm del 3 dicembre 2020 e dalle ordinanze regionali).

Caserta: tra assembramenti e bar ancora aperti

Peccato che le foto parlino da sole e che a Caserta nella serata di ieri c’è stata vera e propria folla in piazza Margherita. Questo è stato possibile anche perché in centro a Caserta, tra tanti bar chiusi, c’è anche chi ha pensato di far il furbo, continuando a vendere in asporto anche oltre le 11.

Mentre i ragazzi, in serata, si sono ammassati anche nei pressi del supermercato Carrefour aperto h24 per rifornirsi di sfizi e bevande, restando in strada finché possibile. In pratica fatta l’ordinanza, trovato l’inganno. Code chilometriche di automobili e giovani in strada veramente fino a notte fonda. Contro ogni divieto e contro anche il ‘coprifuoco’ che sarebbe dovuto scattare alle 22.

Anche ad Aversa assembramenti e bar aperti oltre l’orario consentito

Ad Aversa in piazza Paul Harris, a pochi metri praticamente dal parcheggio dell’ippodromo, si sono ritrovati fino a notte fonda centinaia di ragazzini che hanno invaso la piazza nonostante i divieti.

Anche qui i drink di certo non sono mancati. Alcuni esercenti infatti hanno preferito ‘vendere’ cocktail ed aperitivi anche oltre le 11. In via Roma, sulla strada centrale di Aversa, migliaia di persone a fare shopping e strada affollata sin da dopo pranzo fino a chiusura dei negozi.

A Santa Maria Capua Vetere intervengono le forze dell’ordine

Anche il  sindaco Antonio Mirra, di Santa Maria Capua Vetere, aveva firmato l’ordinanza. Ma anche qui, soprattutto i giovanissimi, non hanno capito l’importanza di rispettare le regole in un momento così delicato.

Chiaramente il sabato sera c’è ancora voglia di divertirsi e alcuni di giovani si sono ritrovati fuori l’Anfiteatro. Anche qui è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine per far rientrare i ragazzi soprattutto dopo le 22, ora del ‘coprifuoco’. Sono infatti intervenuti gli uomini della polizia municipale che hanno anche multato alcuni ragazzi.

Articoli correlati

Back to top button