Cronaca

Caserta, scandalo liste fantasma: i candidati militari furbetti

A Caserta, ci sono diversi candidati militari di fatto residenti fuori regione che in questo modo possono godere del periodo di aspettativa della campagna elettorale.

Scandalo liste fantasma a Caserta

In particolare queste candidature di bandiera, sono presenti a Tora e Piccilli, dove su quattro liste solo due sono riferibili a persone del paese – quelle di Luciano Fatigati e Carlo Cesari – o Fontegreca. Ma il vero boom di liste farlocche c’è a Rocchetta e Croce: 7 liste per 445 abitanti e con una media di un candidato al consiglio comunale per meno di 10 residenti (in totale ne sono ben 53).

Questo per effetto di una circolare del ministero della difesa che regolamenta proprio la licenza straordinaria per campagna elettorale. Secondo l’articolo 1484 del codice di ordinamento militare, infatti, “i militari candidati a elezioni per il Parlamento europeo ovvero a elezioni politiche o amministrative possono svolgere liberamente attività politica e di propaganda al di fuori dell’ambiente militare e in abito civile. Essi sono posti in una specifica licenza straordinaria per la durata della campagna elettorale, che non rientra nel limite di quarantacinque giorni annui previsto per tale specie di licenza“.

 

Articoli correlati

Back to top button