Cronaca

Cellole, imprenditore vittima di estorsione: due arresti

Minacciavano di morte un imprenditore di Cellole con l’intento di costringerlo al pagamento di una ingente somma di denaro: due arresti

Minacciavano di morte un imprenditore di Cellole con l’intento di costringerlo al pagamento di una ingente somma di denaro quale saldo dei lavori edili effettuati da una ditta della provincia di Caserta, presso un capannone industriale della vittima, destinato allo stoccaggio di rifiuti. Finiscono in manette Sicilia Giovanni e Del Villano Luigi.

Tentata estorsione, due arresti

Nella mattinata di oggi, a Casapesenna e Petilia Policastro, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Sessa Aurunca, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dai G.I.P. presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di Sicilia Giovanni 59 anni e Del Villano Luigi, 50 anni.

Le indagini

Le indagini condotte dai militari dell’Arma, tra i mesi di settembre e dicembre 2020, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, supportate da intercettazioni telefoniche, ambientali e videoriprese, hanno consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico dei predetti indagati in relazione ad un tentativo di estorsione aggravato dal metodo mafioso, commesso in danno di un imprenditore di Cellole.

Dalle convergenti risultanze investigative è emerso che Del Villano Luigi e Sicilia Giovanni, presentandosi all’imprenditore quali rappresentanti della famiglia Zagaria di Casapesenna e della ”ndrangheta”, lo minacciavano di morte, anche mediante l’utilizzo di armi da fuoco, con l’intento di costringerlo al pagamento di una ingente somma di denaro quale saldo dei lavori edili effettuati da una ditta della provincia di Caserta, presso un capannone industriale della vittima, destinato allo stoccaggio di rifiuti.

Con la medesima condotta, gli indagati pretendevano dall’imprenditore anche il versamento di una maggiorazione pari al 5% dell’importo dei citati lavori, nonché di desistere dalla compravendita di una società operante nel settore di raccolta e trasporto di rifiuti speciali nella provincia di Frosinone.

Articoli correlati

Back to top button