Cronaca

Blitz dei carabinieri del Nas: chiuso il mercato settimanale a Casagiove

In seguito ad una ispezione a sorpresa dei carabinieri del Nas è stato chiuso il mercato settimanale a Casagiove, in provincia di Caserta. Dai controlli è emerso che vi erano poche fontanine per l’acqua corrente e scarsi bagni chimici. “Provvediamo subito” ha commentato il sindaco.

Blitz dei carabinieri del Nas: chiuso il mercato settimanale a Casagiove

Un’operazione a sorpresa dei Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità (NAS) ha portato alla chiusura dell’intero mercato settimanale di Casagiove. L’intervento ha evidenziato diverse carenze strutturali e igienico-sanitarie che hanno imposto l’immediata sospensione delle attività.

Il sindaco Giuseppe Vozza ha spiegato che “il sopralluogo dei NAS ha riscontrato alcune carenze e ce le hanno segnalate. Attendiamo la comunicazione ufficiale, che arriverà a breve. Ma abbiamo già parlato con gli organi competenti”.

Tra le principali criticità evidenziate dai militari, spiccano la scarsità di fontanine per l’acqua corrente e l’insufficienza di bagni chimici. “Le colonnine per le fontanine sono poche. Ce ne sono già due, ma quando si vende frutta e alimenti, l’operatore deve avere sempre la possibilità di trovare acqua corrente. Dunque, ne servono altre. Anche i bagni chimici non sono sufficienti, bisogna aggiungerne altri” ha spiegato Vozza.

Come spiegato dal primo cittadino di Casagiove l’amministrazione comunale è già al lavoro per risolvere le varie problematiche. “Ci siamo impegnati a risolvere queste problematiche il prima possibile. Poi faranno un nuovo sopralluogo. Se troveranno che i problemi siano stati risolti, il mercato riaprirà,” ha concluso.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio