Cronaca

Covid: Giuseppe stroncato a soli 32 anni, era un tecnico dell’Asl di Marcianise

Giuseppe non soffriva di nessuna patologia ma il Covid non gli ha dato scampo. Amici e parenti non riescono a rassegnarsi alla sua morte

Dolore negli uffici dell’Asl di Marcianise dove lavorava Giuseppe Mosca, tecnico 32enne stroncato dal Covid-19. Il giovane, originario di Crispano, era risultato positivo al virus, insieme ad alcuni suoi familiari, nei giorni scorsi riscontrando alcuni lievi sintomi.

Poi l’aggravarsi delle sue condizioni di salute e il ricovero in ospedale per polmonite. Giuseppe, stando a quanto riferito da alcuni conoscenti, non soffriva di nessuna patologia.

Due città in lutto: Giuseppe lascia un vuoto enorme a Marcianise e Crispano

Le condizioni del giovane si sono aggravate in poco tempo. Fatale per lui è stata la polmonite bilaterale che si sviluppa nelle persone affette da Covid-19. Alla fine non ce l’ha fatta a superare il momento più alto della crisi respiratoria. Giuseppe Mosca lavorava all’Unità di Prevenzione dell’Asl, a Marcianise, ed era in attesa di un contratto a tempo indeterminato.

La notizia della sua morte si è rapidamente diffusa sia a Marcianise che a Crispano. Giuseppe, figlio di un’insegnante della locale scuola elementare, era molto conosciuto anche nella vicina Caivano. Tanti i messaggi che gli amici stando postando su Facebook per ricordare il 32enne scomparso. (La Repubblica).


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button