Cronaca

Denuncia casi Covid e viene licenziato: reintegrato

Aveva denunciato la presenza di casi Covid nel carcere di Secondigliano dove la moglie presta servizio come infermiera ed era stato licenziato

Aveva denunciato la presenza di casi Covid nel carcere di Secondigliano dove la moglie presta servizio come infermiera ed era stato licenziato dalla Nurol spa. Giustizia fatta per Gianluca Teratone. Il tribunale del lavoro ha disposto la reintegra. Il licenziamento è illegittimo.

Licenziato per aver denunciato casi Covid

Teratone, rappresentante sindacale unitario della Filctem Cgil, era stato licenziato in tronco dall’azienda dopo aver comunicato alcuni contagi di coronavirus nel carcere di Secondigliano.

“Il Tribunale del lavoro ha ritenuto insussistente il fatto materiale contestato al lavoratore e la relativa condotta conforme al protocollo di sicurezza applicato in azienda per la lotta al Covid 19″, dichiarano gli avvocati Raffaele Ferrara e Giuseppe Tescione, dell’ufficio legale della Cgil di Caserta.

Fonte: Il Mattino


 

Articoli correlati

Back to top button