Cronaca

Don Michele Barone torna libero, ex prete condannato a 12 anni per lesioni su una 13enne

In primo grado condannati anche i genitori della ragazza, che era stata affidata al prete perché ritenuta indemoniata

Torna libero don Michele Barone, l’ormai ex prete della diocesi di Aversa (Caserta) condannato a 12 anni per maltrattamenti e lesioni su una 13enne, avvenuti durante esorcismi non autorizzati. Per l’ex sacerdote è in corso il processo di secondo grado. In primo grado condannati anche i genitori della ragazza, che era stata affidata al prete perché ritenuta indemoniata.

Don Michele Barone torna libero: l’ex prete condannato a 12 anni

La decisione della Corte di Appello di Napoli, davanti a cui si sta svolgendo il processo di secondo grado, che ha ritenuto insussistenti le esigenze cautelari di ogni restrizione alla libertà personale; la prossima udienza del procedimento sarà a settembre.

Il caso

Nel febbraio 2020 era arrivata la sentenza di primo grado, davanti al tribunale di Santa Maria Capua Vetere: condanna a 12 anni di carcere per maltrattamenti e lesioni alla 13enne e l’assoluzione dall’accusa di violenza sessuale nei confronti di due maggiorenni, per la quale i pm avevano chiesto 22 anni di reclusione. Barone era rimasto in carcere fino al marzo 2020, quando era stato sottoposto ai domiciliari, dove si trovava fino ad ora. Anche i genitori della 13enne sono stati condannati, il padre a 4 anni e 6 mesi e la madre a 4 anni.

Articoli correlati

Back to top button