Cronaca

Droga, otto arresti tra Caserta e Napoli: smantellata piazza di spaccio

Otto arresti per droga tra Caserta e Napoli. Nella mattinata di martedì 10 gennaio, i Carabinieri della Compagnia di Sessa Aurunca, nelle province di Caserta, Napoli, Catania e Siena hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 8 persone (5 in carcere e 3 agli arresti domiciliari), gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Droga, otto arresti tra Caserta e Napoli: il blitz

Il provvedimento cautelare costituisce l’epilogo di una complessa e intensa attività investigativa avviata nel giugno 2020 dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sessa Aurunca, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.

Del sodalizio, dedito al narcotraffico e operante prevalentemente nei territori dei comuni di Sessa Aurunca e Mondragone, ne sono stati disvelati l’organizzazione, le funzioni e il modus operandi.
In particolare, si è accertato come, grazie anche al potere intimidatorio esercitato sul territorio dalle figure di vertice del gruppo, fosse stata creata e gestita, a carattere monopolistico, una piazza di spaccio particolarmente remunerativa negli stretti vicoli del centro storico di Sessa Aurunca.

Le indagini

Per le attività di spaccio, gli indagati si sarebbero avvalsi di una rete organizzativa complessa realizzata per rendersi quanto più possibile immuni dalle indagini, nell’ambito della quale le comunicazioni e i movimenti avvenivano, rispettivamente, con un collaudato linguaggio criptico e utenze esclusivamente riservate alle attività di spaccio nonché l’uso di veicoli dedicati.

Si è accertato, altresì, come i vertici dell’associazione, con violenze e minacce, avrebbero impedito ad altri gruppi criminali di introdursi nella piazza di spaccio e costretto alcuni assuntori ad acquistare lo stupefacente esclusivamente da appartenenti al sodalizio.

Nel contesto investigativo sono stati eseguiti numerosi riscontri, arresti in flagranza, denunce in stato di libertà di accoliti e documentati oltre mille episodi di spaccio al dettaglio, identificati assuntori segnalati all’Autorità amministrativa e sequestrate oltre trecentonovanta dosi di stupefacente del tipo cocaina, crack, hashish e marijuana nonché danaro provento dell’illecita attività.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunti innocenti fino a sentenza definitiva.

La droga in paninoteca

Stando a quanto è emerso dalle indagini, la base operativa del cartello era in una paninoteca. Lo spaccio di droga avveniva negli stretti vicoli dei centri storici di Mondragone e Sessa Aurunca. Per evitare di finire nel mirino degli inquirenti, gli indagati utilizzavano un collaudato linguaggio criptico e telefoni dedicati.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali. È responsabile della redazione centrale del network giornalistico L'Occhio.

Articoli correlati

Back to top button