PoliticaSpeciale elezioni

Elezioni comunali 2022 a Falciano del Massico: Fava riconfermato sindaco. I voti ai candidati consiglieri

I voti ai candidati consiglieri

Giovanni Erasmo Fava riconfermato sindaco di Falciano del Massico. Si è votato il 12 giugno, per rinnovare il sindaco e il consiglio comunale: ecco i risultati delle elezioni comunali 2022 e dello spoglio elettorale ed i voti ai candidati consiglieri.

Elezioni comunali 2022 a Falciano del Massico: rieletto sindaco Giovanni Erasmo Fava


I voti ai candidati consiglieri e alle liste

Candidato sindaco Giovanni Erasmo Fava voti 1.384

Lista Falciano bene comune

  • Manica Maria Palmina 78
  • Rucco Antonietta 89
  • De Santis Geppino 93 eletto
  • Paolella Maurizio 96 eletto
  • Freddino Corrado 355 eletto
  • Palazzo Francesco 90 eletto
  • Palazzo Achille 96 eletto
  • De Cristofaro Angelo 98 eletto
  • Zannone Mario 90 eletto
  • Toraldo Silvio 147 eletto
  • Grieco Lorenzo 15.
  • Peronespolo Giovanni 43

Candidato sindaco Ugo Zannini voti 1033

Lista Viviamo Falciano

 

  • Sciaudone Rocco, 91
  • Pettenò Danilo 85
  • Macaro Domenico 154 eletto
  • Scarano Carmela 92
  • Novelli Francesco 106
  • Simeone Felice 4
  • Stanziale Lina 153 eletta
  • Paolella Maurizio 101
  • Cestrone Vincenzo 33
  • Di Donato Elisa 136 eletta
  • Di Chiara Saverio5
  • Matano Alessandro 10

TUTTI I SINDACI ELETTI IN PROVINCIA DI CASERTA 


In provincia di Caserta le urne sono state urne aperte per i cittadini di 17 comuni: Alvignano, Bellona, Calvi Risorta, Capua, Dragoni, Falciano del Massico, Gallo Matese, Liberi, Mondragone, Pastorano, Pietramelara, Portico di Caserta, Recale, San Giorgio Matese, Teano, Vairano Patenora e Valle di Maddaloni.

Come funziona il quorum

Nei piccoli Comuni, ovvero quelli sotto i 15mila abitanti, che avranno una sola lista in corsa per le elezioni, il quorum scenderà al 40%. A stabilirlo è il nuovo decreto del Governo pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Sono molti i Comuni al voto in cui per le elezioni si profila la presenza di una sola lista, come Sovere e Leffe per esempio, una tendenza sempre più frequente nei piccoli paesi. Proprio per questo è arrivato il nuovo decreto del Governo che sposta dal 50% al 40% il quorum necessario per rendere valida l’elezione del sindaco e del consiglio comunale. Abbassare il quorum significa quindi abbassare il rischio di commissariamento.




 

Francesco Piccolo

Giornalista professionista, direttore del network L'Occhio che comprende le redazioni di Salerno, Napoli, Benevento, Caserta ed Avellino. Direttore anche di TuttoCalcioNews e di Occhio alla Sicurezza.

Articoli correlati

Back to top button