Cronaca

Fuochi d’artificio contro cappella dedicata a Padre Pio: distrutta

Alcuni vandali hanno fatto esplodere dei fuochi d’artificio contro la cappella votiva dedicata a Padre Pio. È accaduto a Maddaloni ed è stato denunciato da Francesco Emilio Borrelli.

Fuochi d’artificio contro la cappella dedicata a Padre Pio

“Fuochi d’artificio, utilizzati senza criterio dai vandali, hanno distrutto la cappella votiva dedicata a Padre Pio nel Rione San Giovanni a Maddaloni, in provincia di Caserta. Questa la segnalazione che mi è arrivata da diversi cittadini. I botti esplosi dai vandali hanno completamente sgretolata la struttura in mattoni e divelto il tetto.

Anche la statua del Santo, rimasta in piedi, ha subito la mutilazione degli arti. E’ raccapricciante che non si abbia rispetto neanche delle opere religiose, costruite anche con le donazioni dei fedeli. Fare esplodere i fuochi d’artificio a ridosso di una cappella votiva è una vera profanazione, priva di senso. Si agisce per il solo gusto di distruggere e arrecare danno. Ma per colpire cosa il culto di Padre Pio? E’ il temperamento dei vandali, dei vigliacchi, che procedono come mine vaganti e riversano contro tutto e tutti le loro frustrazioni”. Così Francesco Emilio Borrelli, deputato di Alleanza Verdi – Sinistra.

“Da anni chiediamo che sia regolamentato l’utilizzo dei fuochi d’artificio e si contrasti il mercato di quelli illegali. Assistiamo a un uso improprio e piratesco di uno strumento pericolosissimo di cui si fa abuso contro ogni buon senso. Si intervenga con rigore per evitare un inutile atto liberticida”.

Ileana Picariello

Ileana Picariello, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Back to top button