Cronaca

Paura a Santa Maria Capua Vetere, detenuto dà fuoco ai mobili della sua cella

Paura per un incendio nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Una intensa colonna di fumo nero e acre ha riempito la Sezione detentiva

Paura per un incendio divampato nel carcere di Santa Maria Capua Vetere nella serata di ieri, giovedì 12 agosto. La denuncia è di Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria: “Nella tarda serata di ieri un detenuto in evidente stato di agitazione, nel Reparto Tevere, ha posto in essere una immotivata azione di protesta. Il ristretto ha appiccato il fuoco alle suppellettili della propria cella ove le fiamme propagatesi velocemente e senza controllo hanno avvolto alcuni materassi.

Una intensa colonna di fumo nero e acre ha riempito la Sezione detentiva. Il tempestivo e professionale intervento dei poliziotti penitenziari ha consentito la messa in sicurezza dei numerosi detenuti presenti nella sezione, facendoli riparare all’esterno nei cortili passeggi. Poi si è provveduto allo spegnimento dell’incendio che ha causato tanta tensione e panico”.

Santa Maria Capua Vetere, paura per l’incendio in carcere

Il sindacalista del Sappe evidenzia come “nonostante il ridotto numero dei poliziotti presenti in servizio, grazie al loro intervento si è evitato il peggio, ripristinando l’ordine e sicurezza ma quello che più conta tutelando l’integrità fisica di tutti, evitando l’impiego dei vigili del fuoco giunti in Istituto unitamente ad alcune volanti della P. S. . Ai colleghi che hanno gestito il grave evento critico va tutto il compiacimento del SAPPE Campania e per tanto si invita la Direzione ed il Comando del Reparto a proporre le giuste ricompense al predetto personale. Questa è la Polizia Penitenziaria”.

Il commento del segretario Sappe

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, evidenzia come nel carcere di Santa Capua Vetere si siano vissuti “momenti di grande tensione e pericolo, gestiti con grande coraggio e professionalità dai poliziotti penitenziari. Poteva essere una tragedia, sventata dal tempestivo intervento dei poliziotti di servizio nel Reparto e dal successivo impiego degli altri poliziotti penitenziari in servizio nel carcere. Quanto accaduto nel carcere di S.Maria Capua Vetere è sintomatico del fatto che le tensioni e le criticità nel sistema dell’esecuzione della pena in Italia sono costanti, ma è evidente che l’Amministrazione Penitenziaria deve trovare serie e urgenti soluzioni alla grave situazione riferita all’organico del Reparto di Polizia Penitenziaria del carcere sannita”.

Articoli correlati

Back to top button