Cronaca

Maltempo nel Casertano, esondazioni e canali in tilt

Ondata di maltempo in Campania, sono tornati i temporali intensi e le alluvioni fognarie: registrate due esondazioni in due punti diversi in poche ore. Le acque nere, liberate dal collassato collettore fognario ex Casmez, lungo l’ex provinciale Nola-Caserta hanno già coperto con mezzo metro d’acqua fetida oltre cinque ettari di terreno.

Maltempo, due esondazioni nel Casertano

Le acque nere, provenienti dei comuni e dal beneventano caudino, Santa Maria a Vico, Cervino e San Felce a Cancello, strariperanno sulla strada e invaderanno i vani terranei di abitazioni private. Coinvolte oltre 500 persone e un centinaio di aziende agricole.

«Esiste un grave problema associato alla presenza delle acque stagnanti dice Fabrizio Crisci, presidente del comitato Abc- ed è rappresentato dall’insostenibile fetore tipico delle fogne e di presenza di escrementi. E quando le acque si ritirano permane il problema della sedimentazione di sabbie disperse dappertutto. Tutti questi danni non possono più essere né tollerati e né ignorati». E infatti, per le esondazioni fognarie del collettore ex Casmez, non classificabili come calamità naturali, il comune chiede il riconoscimento di danni milionari, comprensivi degli effetti indotti come «disastro ambientale, danneggiamento di strade e fogne e la contaminazione del territorio».

Articoli correlati

Back to top button