Cronaca

Marcianise, addio all’ex sindaco Antonio De Martino

Marcianise piange per la morte di Antonio De Martino. Nella notte si è spento l’ex sindaco di Marcianise, da tutti conosciuto come “Tonino” o il “professore” avendo svolto anche la professione di insegnante.

La morte di Antonio De Martino

L’ex primo cittadino del comune casertano si è spento all’età di 83 anni. È morto in ospedale dove era ricoverato da alcuni giorni. Democristiano, è stato più volte sindaco di Marcianise. De Martino è stato figura di riferimento importante della politica locale tra gli anni Ottanta e Novanta.

Il cordoglio del sindaco Velardi

“È stato uno dei protagonisti della vita politica di Marcianise, di cui è stato sindaco e per lungo tempo amministratore con ruoli diversi.

Da tempo non stava bene, e dire non stava bene è un eufemismo. Ma era un vecchio combattente e non si è piegato facilmente. Con i problemi di salute aveva un’antica – diciamo così – dimistichezza. Negli anni Ottanta era stato sottoposto al trapianto del fegato, in tempi che erano pionieristici, e ne era uscito benissimo.

Esponente della Democrazia Cristiana, democristiano fino al midollo, De Martino apparteneva alla pattuglia di insegnanti elementari, figli del ceto popolare, che in città fu protagonista della ricostruzione fin dagli Anni Cinquanta e che interpretò per convinzione e per scelta sociale prima ancora che politica il riscatto e la ribellione ai vecchi blocchi liberali espressione dell’arcaico parassitismo fondiario. Maestri elementari, di solida preparazione, di forte connotazione popolare, animati dalla migliore concretezza, che a Marcianise hanno rappresentato l’asse portante della ricostruzione politica e sociale della città a partire dagli anni post-guerra.

Sempre garbato, mai sopra le righe, nella sua eleganza c’era il segno del suo modo d’essere. Non ricordo di averlo mai visto con un vestito che non fosse inappuntabile, con una cravatta o un maglione che non fossero ricercati. L’eleganza però mai fuori posto, mai ostentata, portata naturalmente, con la sobrietà che era il tratto del suo carattere.

L’avevo incontrato qualche mese fa mentre cercava di disbrigare una pratica burocratica, in compagnia della premurosissima moglie, ed era stato molto cortese con me. Avevamo fatto una foto insieme, che pubblico con piacere e con tristezza qui sotto. Molto cortese come prima che diventassi sindaco, come sempre. Avevo con lui un buon rapporto personale. Lo avevo invitato a venirmi a trovare in ufficio al Comune. “È la tua stanza”, gli avevo detto. Mi aveva promesso che l’avrebbe fatto, mi resta un grande rammarico.

Alla moglie e al figlio Pietro le più affettuose condoglianze, mie personali e a nome della città. Se ne va un protagonista dell’ultimo segmento di storia di Marcianise. I funerali domani pomeriggio in duomo alle 16″.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button