Cronaca

C’era un piano segreto per uccidere Michele Zagaria

Omicidio di Michele Zagaria: il piano segreto per uccidere il boss dei casalesi dalle intercettazioni della Guardia di Finanza

Un piano per l’omicidio di Michele Zagaria. C’era un piano per uccidere il capo dei capi dei Casalesi, un piano mai attuato da chi lo aveva ideato. È quanto emerge dalle intercettazioni della Guardia di Finanza che nel 2018 piazzo delle cimici per indagare su Giuseppe e Luisa Guarino, quest’ultima moglie di Giacomo Capoluongo, per anni fiancheggiatore della latitanza del capoclan, svela, inavvertitamente, quelli che all’epoca erano i suoi piani come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Omicidio di Michele Zagaria: il piano segreto

La donna avrebbe suggerito al marito di mettere “qualcosa in più” per “far andare in pappa il fegato del mammasantissima”. Luisa Guarino odia Zagaria il quale le aveva promesso che, in cambio dei loro servizi, avrebbe consentito alla famiglia di avere il monopolio sulle farmacie dell’Agro aversano in quegli anni in cui l’intera famiglia Capoluongo era impegnata per nascondere la primula rossa.

Articoli correlati

Back to top button