Cronaca

Pasquale e Chiara insieme per sempre: chi sono i due fidanzati di Caserta morti in un incidente in Toscana

Chi sono i due fidanzati di Caserta e Casagiove morti in un incidente in Toscana. Addio a Pasquale Vozza e Chiara Esposito

C’è dolore e sgomento tra Casagiove e Caserta. Nel giorno della Festa della Mamma, domenica 9 maggio, Pasquale Vozza e Chiara Esposito, due fidanzati casertani, sono morti a seguito di un terribile schianto con l’auto avvenuto in Toscana.

Pasquale e Chiara morti in un incidente in Toscana: chi sono e cosa è successo

Un drammatico incidente ha spezzato la vita a due giovani casertani. Pasquale Vozza, 36 anni e la sua fidanzata Chiara Eposito, 33 anni, hanno perso la vita ieri 9 maggio in un terribile schianto in provincia di Arezzo, in Toscana.  La coppia stava rientrando verso casa a Cremona, dove viveva e lavorava, da Perugia, dove aveva trascorso qualche giorno.

Pasquale, 36 anni, nipote del sindaco di Casagiove Giuseppe Vozza essendo il figlio del fratello medico del primo cittadino Antonio, era alla guida della sua vettura quando, per motivi ancora da chiarire, si è ribaltato. I due fidanzati sono stati sbalzati fuori dall’auto. Pasquale, sottoufficiale dell’Esercito è morto sul colpo. Chiara docente di 33 anni che si era trasferita a Cremona proprio per iniziare una vita insieme al suo Pasquale, invece, era ancora viva all’arrivo dei soccorsi. Il suo cuore ha smesso di battere all’ospedale “Le Scotte di Siena”.

Il commento del sindaco di Casagiove

“La tragica morte di due giovani – scrive su Facebook il sindaco di CasagioveGiuseppe Vozza – lascia increduli. Il primo pensiero è per loro, per l’interruzione del loro progetto di vita, poi per i loro genitori, per lo sforzo che dovranno fare per sopravvivere, poi per i fratelli, poi per i parenti come me, ed infine per tutti quelli che li hanno conosciuti e ne hanno apprezzato le doti”. Pasquale e Chiara li ricordiamo tutti come ragazzi che amavano la vita, erano belli, sorridenti, forti, vivaci, pieni di energia e combattivi. Sono certo che il verde dei Suoi pascoli lassù saprà accoglierli e coccolarli dolcemente”

Articoli correlati

Back to top button