Cronaca

San Nicola la Strada, acque contaminate: sequestrati 26mila metri quadri di terreni

A San Nicola la strada, i carabinieri hanno sequestrati 26mila metri quadri di terreni dopo aver scoperto la presenza di acqua contaminata dai residui industriali.

Scattano i sequestri dei terreni a San Nicola la strada

Questa Procura della Repubblica ha emesso, in data 25.5.2019, un decreto d’urgenza con il quale sono stati sequestrati terreni, dell’estensione di circa 26.000 mq., insistenti nell’area “Piscina Rossa” – ex area Saint Gobin (Loc. Lo Uttaro), sul territorio del comune di San Nicola la Strada (Ce). Detto provvedimento – eseguito nelle giornate del 28, 29 e 30 maggio u.s. dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Casetta e dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale di Caserta – trae origine dalle risultanze investigative e tecnico peritali emerse nell’ambito delle indagini condotte da quest’Ufficio.

In particolare il sequestro dei terreni si pone quale seguito del sequestro dei dodici pozzi severamente contaminati dall’Arsenico nel febbraio u.s., nell’ambito dello stesso filone d’inchiesta.

I campioni di terreno analizzati ed i conseguenti esiti analitici dei laboratori ARPAC hanno evidenziato, a valle della acclarata severa contaminazione delle acque, la presenza significativa di elementi inquinanti di origine industriale (quali Arsenico, Berillio e Triclorometano), eccedenti le concentrazioni soglia di contaminazione da 6 a 14 volte quelle previste dalla legge, fonte di ulteriore pericolo per la salute pubblica.

Infatti, le particelle oggetto di indagine erano state identificate tracciando una direttrice diagonale all’area “PISCINA ROSSA”, così da poter ottenere dati concernenti sia la stratigrafia dei terreni, sia la qualità chimico/fìsica degli stessi.

I carotaggi che ne sono seguiti hanno evidenziato la, presenza di uno strato di materiale di allarmante coloritura rossastra e la completa non conformità dei siti oggetto di indagine alle Concentrazioni Soglia di Contaminazione., già peraltro stabilite per le acque di falda in tutta l’area c.d. “Piscina Rossa”.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button