Cronaca

Carlo Palma, ferroviere morto d’infarto sventando uno scippo: “Sei stato un eroe”

Santa Maria Capua Vetere, dipendente delle Ferrovie muore in stazione per un malore: aveva inseguito uno scippatore

Ha inseguito uno scippatore nella stazione di Santa Maria Capua Vetere che aveva rubato ad una ragazza appena scesa dal treno. Il gesto eroico gli è costato la vita: Carlo Palma, dipendente di Ferrovie dello Stato, è morto per un malore.

Santa Maria Capua Vetere, morto per malore dipendente delle Ferrovie

Mentre era nel mezzo di un sopralluogo il dipendente delle Ferrovie dello Stato ha assistito allo scippo subìto da una ragazza per mano di un 17enne rom che le ha sottratto il telefono cellulare. Senza pensarci due volte il 62 enne ha inseguito lo scippatore ma nelle concitate fasi dell’inseguimento ha cominciato ad accusare un malore, il tempo di fermarsi su una panchina ed in pochi secondi è il suo cuore ha smesso di battere.

Il cordoglio

Tantissimi i messaggi di cordoglio apparsi sui social in queste ore dove frasi di solidarietà vengono indirizzate ai familiari di Palma, sia da parte di cittadini comuni che di colleghi macchinisti ed anche da altre regioni d’Italia. Dalla Toscana per esempio, dove Palma aveva prestato servizio in passato, in provincia di Livorno. E sempre sui social è finita anche qualche testimonianza di chi ha purtroppo assistito a quell’inseguimento. La notizia ha provocato grande dolore fra i suoi colleghi, tra questi il suo collega ed omonimo Antonio Palma sindacalista nei trasporti come Carlo, nella Fit-Cisl, oltre a Pasquale Federico.

In una nota, la sigla sindacale ricorda che “Carlo è sempre stato un modello di uomo da prendere come esempio per i sani principi che da sempre ha portato avanti. Motivo per cui anche ieri per cercare di acciuffare questo malintenzionato il suo grande cuore non ha retto. Siamo affranti al pensiero che l’amico Carlo innanzitutto e poi collega purtroppo ci ha lasciato“.

Articoli correlati

Back to top button