Cronaca

Sindacalista investito, il camionista al gip: “Non volevo uccidere nessuno”

Parla il camionista Alessio Spaziano, il 25enne che ha investito e ucciso il sindacalista Adil Belakhdim. Che cosa ha detto il giovane

Parla il camionista Alessio Spaziano, il 25enne che ha investito e ucciso il sindacalista Adil Belakhdim. Il ragazzo casertano ha raccontato al gip che “non voleva uccidere nessuno”.

Sindacalista investito, il camionista: “Non volevo uccidere nessuno”

“Non si è accorto di aver ucciso il sindacalista. E’ scappato solo per paura di essere linciato”. Alessio Spaziano, il 25enne di Baia e Latina, nell’AltoCasertano, ha scelto di raccontare al gip che cosa lo ha spinto venerdì mattina a scappare dopo aver travolto e ucciso Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore dei SiCobas che stava partecipando ad una manifestazione davanti al centro di distribuzione della Lidl di via Guido il Grande a Biandrate, nel Novarese. Alle 9,30 in carcere a Novara è infatti previsto l’interrogatorio per la convalida dell’arresto del giovane.

“Abbiamo scelto di rispondere a tutte le domande del gip. Vogliamo emerga la verità – spiega l’avvocato Gabriele De Juliis -. Ha detto di non essersi nemmeno accorto di avere una persona dietro l’autoarticolato. Con molta probabilità ha fatto una manovra azzardata, ma del tutto inconsapevole. E soprattutto senza volontà di compierla. Poi è fuggito per paura. Sapeva che scegliendo di forzare il posto di blocco avrebbe rischiato di essere picchiato dai manifestanti”.


 

Sindacalista investito e ucciso a Biandrate, il camionista va ai domiciliari


 

Alessio da venerdì si trova in cella nel carcere di Novara. Le ultime parole, prima di chiudersi in se stesso, le ha dette al suo amico, padrino di cresima e testimone di nozze Michele. “In pochi attimi, dopo essersi allontanato, ha avuto la lucidità di capire che cosa era successo e chiamare il suo conoscente – dice ancora il legale -. Non ha scelto una persona qualunque ma un poliziotto. Per lui quello è stato il modo di costituirsi”. Al sovrintendente della polizia, che vive a Dragoni, Speziano ha detto «Michele ho fatto un casino”.

Articoli correlati

Back to top button