Cronaca

Succivo, imprenditore ucciso dopo aver denunciato il pizzo: 15 anni al killer di don Diana

Il caso era stato in un primo momento chiuso senza colpevoli e poi riaperto in seguito ad indagini della parte civile

Succivo, imprenditore ucciso dopo aver denunciato il pizzo: 15 anni al killer di don Diana. Reclusione ed un risarcimento in favore dei familiari della vittima con una provvisionale di 50mila euro. Questa la decisione della Corte d’Assise di Santa Maria Capua Vetere per Giuseppe Quadrano, il killer di don Peppe Diana oggi collaboratore di giustizia, accusato dell’omicidio dell’imprenditore Antonio Belardo, ucciso nel 1991.

Imprenditore ucciso dopo aver denunciato il pizzo

Come riporta “Caserta News“, i giudici, fissando il risarcimento, hanno accolto le tesi della difesa di parte civile, rappresentata dall’avvocato Giovanni Zara, che si è battuta affinché venisse esclusa ogni connivenza della vittima con il clan dei Casalesi. Il caso era stato in un primo momento chiuso senza colpevoli e poi riaperto in seguito ad indagini della parte civile.

I responsabili

È stato così possibile individuare i responsabili in Alberto Di Tella (anche lui collaboratore di giustizia e condannato in abbreviato) e proprio Quadrano.

Fonte: Caserta News

Articoli correlati

Back to top button