Cronaca

Controlli nella “Terra dei Fuochi”, laboratori tessili e calzaturieri: 300 dipendenti a nero e sequestri per violazioni ambientali

Mai controlli della Guardia di Finanza di Caserta, nella zona della “Terra dei Fuochi” sequestrate 16 laboratori tessili e calzaturieri per reati ambientali e sfruttamento del lavoro a nero.

Violazioni ambientali e lavoratori a nero, scattano i sequestri

Stando a quanto riportano le indiscrezioni, a seguito del “Piano Straordinario di Controlli nella Terra dei Fuochi” messo in atto dalla GdF di Caserta, sono stati ispezionati 116 laboratori tessili e calzaturieri, controllati 1000 dipendenti (di cui 300 erano a nero) e sono stati complessivamente ispezionati 116 opifici.

Le zone interessate erano la “Terra dei Fuochi”, in particolare: Sant’Arpino, Lusciano, Carinaro, Gricignano D’Aversa, Tavernola, Arienzo, San Felice a Cancello e Santa Maria a Vico. Inoltre, 29 di questi opifici, sono stati ispezionati unitamente agli ispettori del lavoro.

I dati più rilevanti – quelli che sono venuti alla luce e che hanno causato i sequestri di 16 aziende – sono state le loro violazioni ambientali.

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Back to top button