Economia

I trend dell’economia circolare del futuro

I consumatori stanno facendo scelte più deliberate. Gli acquirenti di oggi vogliono accedere a informazioni più approfondite sul prodotto

Le definizioni prevalenti di sostenibilità si sono evolute con una crescente consapevolezza della delicata interazione tra ambiente, salute e benessere umani ed economia. La sostenibilità del prodotto viene ora vista nel contesto della creazione di un’economia circolare, un sistema sostenibile che elimina gli sprechi, riduce l’inquinamento e garantisce la continuità delle risorse.

In un’economia circolare, i prodotti vengono riprogettati, riutilizzati, rinnovati, riparati e riciclati per ridurre l’uso di materiali vergini. Vengono mantenuti in uso più a lungo e i flussi di approvvigionamento traggono vantaggio dalla rigenerazione delle risorse esistenti. Oggi, solo l’8,6% dell’economia mondiale è circolare e oltre il 90% delle risorse estratte e consumate non torna ai cicli di produzione, secondo il Circularity Gap Report. Ma negli ultimi anni sono emerse tre tendenze principali che stanno guidando un nuovo interesse per la circolarità: cambiamento delle aspettative dei consumatori, interruzioni della catena di approvvigionamento globale e crescenti preoccupazioni ambientali.

Le aspettative dei consumatori

I consumatori stanno facendo scelte più deliberate. Gli acquirenti di oggi vogliono accedere a informazioni più approfondite sul prodotto, come la provenienza del prodotto, il modo in cui il prodotto può essere riciclato e altre informazioni sul suo ciclo di vita. La sostenibilità sta diventando sempre più un fattore nelle decisioni di acquisto dei consumatori.

Di conseguenza, la circolarità continua a crescere come dimostrato dal successo delle piattaforme di e-commerce di seconda mano aaannunci.it, che offrono ai loro utenti la possibilità di aggiungere e trovare annunci gratuiti per oggetti usati e servizi. La rivendita sta crescendo 25 volte più velocemente del mercato al dettaglio e si prevede che raddoppierà la dimensione del “fast fashion” entro il 2030, e alcuni dei rivenditori e dei marchi più famosi al mondo stanno investendo pesantemente in mercati di rivendita, progetti pilota, progetti o partnership per soddisfare il crescente interesse dei consumatori.

Le opportunità circolari per i beni di consumo in rapido movimento potrebbero ammontare a 700 miliardi di dollari di risparmi materiali ogni anno. Inoltre, si è osservato un cambiamento nei comportamenti dei consumatori che hanno iniziato ad essere più sostenibili negli ultimi cinque anni e che “la sostenibilità continuerà a diventare l’aspettativa, piuttosto che l’eccezione”. Infatti, la sostenibilità non è semplicemente una questione di capacità di un’azienda di migliorare o ampliare la propria gamma di prodotti. Molto presto, potrebbe essere un fattore decisivo per la sopravvivenza finanziaria di un’azienda, poiché i consumatori sempre più “votano con i loro portafogli”.

Le interruzioni delle catene di approvvigionamento

Le catene di approvvigionamento tradizionali non sono ottimizzate per mercati imprevedibili e gli ultimi anni hanno messo a dura prova l’offerta globale di beni. Le interruzioni legate alla pandemia e la congestione dei porti, l’interruzione dei canali di distribuzione e la carenza di manodopera hanno contribuito a una diffusa carenza di materiale che tuttora persiste.

Ciò è in parte dovuto al fatto che le catene di approvvigionamento esistenti sono state costruite per servire un’economia lineare che sostanzialmente presuppone una fornitura costante di risorse naturali. Il risultato è un modello di consumo “take-make-waste” basato sull’estrazione di risorse, la produzione di beni e servizi e lo smaltimento dei rifiuti. Ciò non solo è dannoso per l’ambiente, ma mette a rischio anche l’approvvigionamento di materiali, aumentando i prezzi e aumentando la domanda che non può essere soddisfatta.

Una catena di approvvigionamento circolare può aiutare a mitigare la scarsità attraverso il riutilizzo e altre pratiche di riduzione dei rifiuti.

Un nuovo modo di pensare alla catena del valore

La circolarità richiede il ripensamento di produzione, distribuzione e consumo. Richiede collaborazione e scambio di informazioni tra tutti i partner della catena di approvvigionamento e le parti interessate nel ciclo di vita di un prodotto, includendo potenzialmente fonti di materie prime, trasformatori, produttori, distributori, rivenditori, rivenditori, rigeneratori, riciclatori e altri. Questo non può essere ottenuto con i sistemi a circuito chiuso.

Modellare e implementare un’economia veramente circolare richiederà un’enorme quantità di dati utilizzando una struttura standardizzata per condividere le informazioni in un linguaggio di dati comune (utilizzando semantica, ontologie e tassonomie comuni).

Questo è l’unico modo per ottenere il livello di efficienza necessario per far funzionare un sistema circolare, che rimane in crescita nel nostro paese. Inoltre, poiché i dati saranno gestiti da macchine (compresa l’intelligenza artificiale), i partner commerciali avranno bisogno di sistemi IT interoperabili che utilizzino questo linguaggio comune, in modo che i sistemi possano comunicare tra di loro. Senza dubbio questo richiede investimenti e tempo per l’attuazione ma rimane l’unica via percorribile per la salvaguardia del nostro pianeta con una crescita sostenibile.

Articoli correlati

Back to top button