Cronaca

Uccise un ladro in casa, ma grazie alla nuova legge non risarcirà i danni

Uccise un ladro in casa. I fatti risalgono alla notte tra il 5 e 4 luglio del 2012, quando G.Capozzo, un 49enne di Gioia Sannitica, trovò all’interno della sua casa un ladro di origini albanesi.

Uccise un ladro in casa

L’uomo prese fucile del ladro, e con un colpo, uccise il rapinatore e subito dopo nascose il cadavere nei pressi del fiume Volturno. Il reato venne scoperto dagli carabinieri grazie alle ricerche della moglie della vittima. La donna denunciò la sua scomparsa dopo che aveva perso le sue notizie da giorni. I carabinieri arrivarono a Capozzo seguendo le tracce dei ripetitori telefonici.

La condanna

Capozzo fu condannato in appello a due anni e sei mesi di carcere per eccesso di legittima difesa, ma oggi grazie alla nuova legge l’uomo è libero.

Articoli correlati

Back to top button