Cronaca

Mistero di Wuhan, atleti contagiati durante le Olimpiadi militari: l’incognita dei pugili di Marcianise

Negli ultimi giorni è stata diffusa la notizia di atleti probabilmente contagiati dal coronavirus ad ottobre nel corso delle Olimpiadi militari svoltesi a Wuhan. A Marcianise, da diversi decenni capitale mondiale del pugilato, si ripensa agli scorsi mesi invernali, quando nelle palestre di boxe una vera e propria epidemia influenzale ha colpito molti atleti. All’epoca non si conoscevano ancora i sintomi del Covid 19.

Atleti contagiati durante le Olimpiadi militari: <

Da Marcianise, il 17 ottobre scorso, partirono per Wuhan tre pugili ed il loro coach: Raffaele Di Serio, Francesco Maietta e Paolo Di Lernia, capitanati dal tecnico Michele Cirillo, tutti appartenenti al gruppo sportivo dell’Esercito.

Il ritorno a Marcianise

I pugili dell’Esercito, che normalmente si allenano a Roma, dopo la trasferta cinese sono ritornati a Marcianise dove, sebbene per brevi periodi, hanno frequentato anche le palestre locali, da cui peraltro provengono.

Si racconta di un contagio massivo con febbre e tosse persistente e resistenti agli antibiotici, trasmesse ai parenti più prossimi al ritorno in Italia. Racconti finiti sui giornali e sui siti internazionali nei giorni scorsi e rimbalzati a Marcianise.

I probabili contagi a novembre e dicembre

Nei mesi di novembre e dicembre si sono contate lunghe defezioni per motivi di salute dagli allenamenti da parte di atleti che frequentavano le stesse palestre dove erano tornati ad allenarsi i pugili reduci da Wuhan. E ad ammalarsi sono stati i componenti di intere famiglie di questi atleti, in un meccanismo che oggi più che mai assume le dimensioni del contagio.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto