Cronaca

Imprenditore ucciso durante la rapina: 22 anni di carcere al killer

Imprenditore ucciso durante la rapina: confermata quasi in toto la sentenza pronunciata dalla Corte d'Assise: killer condannato a 22 anni

Imprenditore ucciso durante la rapina: confermata quasi in toto la sentenza pronunciata dalla Corte d’Assise di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di Argit Turshilla, 28enne albanese, accusato dell’omicidio di Pasquale Guarino, l’imprenditore di Santa Maria Capua Vetere ucciso durante una rapina nella sua azienda agricola a San Tammaro nel settembre 2015.

Imprenditore ucciso durante la rapina: 22 anni di carcere al killer

La Corte d’Assise d’Appello di Napoli, all’esito del giudizio di secondo grado, ha inflitto 22 anni e 6 mesi a Turshilla che in primo grado aveva incassato 23 anni. Uno sconto di appena sei mesi. Turshilla, difeso dall’avvocato Fabio Della Corte, secondo la Corte sammaritana avrebbe sì partecipato alla rapina conclusa con l’omicidio (reati contestati in concorso con ignoti) ma non si sa con certezza se a uccidere Guarino sia stato o meno lui.

Di sicuro l’eliminazione dell’imprenditore non era nei suoi piani (al punto che all’esito del giudizio di primo grado la Procura ha aperto nuove indagini sui complici). Si attendono ora le motivazioni della Corte d’Appello che saranno con ogni probabilità impugnate in Cassazione.

 

Articoli correlati

Back to top button