Cronaca

Don Alfonso non ce l’ha fatta: morto a 41 anni il sacerdote contattato anche da Papa Francesco

Morto don Alfonso De Cristofaro, lutto in provincia di Caserta. Il sacerdote da tempo era in ospedale, aveva 41 anni

Lutto in provincia di Caserta dove è morto don Alfonso De Cristofaro, giovane sacerdote originario di Sparanise. Deceduto all’età di 41 anni, don Alfonso era guida spirituale della parrocchia di Santa Maria a Silice di Riardo.

Morto don Alfonso De Cristofaro, lutto a Caserta

Lo scorso settembre don Alfonso fu ricoverato a causa di alcuni problemi di salute. Le sue condizioni sono peggiorate col passare del tempo, e ad ottobre fu telefonato addirittura da Papa Francesco. In quell’occasione, il Pontefice lo esortò a non mollare. Purtroppo nelle scorse ore è sopraggiunto il decesso.

“Il Vescovo, unito al Presbiterio della nostra Diocesi, invita alla preghiera in suffragio dell’anima del nostro fratello don Alfonso De Cristofaro che ha prematuramente concluso la sua esistenza terrena ed è ritornato alla casa del Padre”.

Lutto cittadino a Riardo

Il sindaco di Riardo Armando Fusco, a nome personale, dell’Amministrazione comunale ed interpretando i sentimenti di ogni Riardese, in questo doloroso momento, “esprime profondo cordoglio alla sua famiglia e vicinanza a S.E. il Vescovo della Diocesi di Calvi-Teano, al Consiglio presbiterale dei parroci ed ai religiosi tutti. Don Alfonso nel suo breve cammino terreno ha dedicato la vita alla propria comunità e nel suo ministero sacerdotale un ruolo centrale lo hanno avuto i giovani, che egli ha saputo valorizzare, attraverso il coinvolgimento in gruppi di lavoro e di preghiera.

La luce di don Alfonso, spenta agli occhi del mondo, rimarrà nella nostra Comunità grazie al ricordo del suo impegno. Invochiamo il Signore misericordioso, che al suo servo Alfonso, sacerdote, nel tempo della sua dimora tra noi, ha affidato la divulgazione della Parola e la somministrazione dei Sacramenti, affinché gli doni la gioia di esultare per sempre nella liturgia del Cielo”. Nel giorno delle esequie- verrà proclamato il lutto cittadino in segno di partecipazione alla grave perdita

Articoli correlati

Back to top button