Cronaca

Strage di Pescopagano: ergastolo al boss della camorra Augusto La Torre

Strage di Pescopagano, arriva la sentenza da parte dei giudici di Napoli: condannato all’ergastolo il boss della camorra di Mondragone, Augusto La Torre.

La Torre condannato all’ergastolo per la Strage di Pescopagano del 1990

Il Tribunale di Napoli ha condannato all’ergastolo Augusto La Torre, boss della camorra dell’omonimo clan di Mondragone attivo anche nel Basso Lazio, per i fatti inerenti alla Strage di Pescopagano. Pena di 20 anni invece al cugino Tiberio Francesco La Torre.

I fatti risalgono al 24 aprile del 1990, quando diverse persone furono uccise a colpi di mitra e pistole. In quell’occasione morirono cinque persone e otto rimasero ferite. Tra le vittime si contarono tre tanzaniani, un iraniano e l’italiano Alfonso Romano, questi ultimi due colpiti per mero errore dato che si trovavano nel bar dove avvenne il tutto.

L’esecuzione avvenne perché il boss Augusto La Torre voleva ripulire la zona dagli spacciatori di droga africani, che iniziavano allora a farsi strada nel panorama criminale casertano.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto