Cronaca

Casagiove, operatori del 118 presi a bottigliate dalla paziente | IL RACCONTO DELL’AUTISTA

Il racconto shock del giovane autista

Assurdo a Casagiove nella serata di ieri, mercoledì 27 luglio 2022, dove gli operatori del 118 sono stati presi a bottigliate da una paziente che aveva richiesto un pronto intervento. Il racconto shock del giovane autista.

Casagiove, operatori del 118 presi a bottigliate da una paziente

Ennesima aggressione nelle file del 118 nella serata di ieri. Questa volta il luogo dell’episodio è Casagiove, quando un’ambulanza in servizio è stata richiesta per un pronto intervento a 8 chilometri di distanza per un codice giallo respiratorio.

Il racconto

“Arriviamo sul luogo dell’intervento alle 18:08, in 9 minuti“. Racconta il giovane autista. Ma da lì si scatena il caos. “Arrivati a casa del paziente, entriamo e subito notiamo che la richiedente era alterata perché i soccorsi erano arrivati tardi e ha iniziato ad insultarci. Ma nonostante tutto, iniziamo subito a prendere i parametri vitali. La paziente si agita e inizia ad inveire contro autista, infermiere e medico, lanciando e danneggiando pulsossimetro e altri oggetti“.

Le minacce e l’aggressione

La donna avrebbe poi minacciato e aggredito tutti gli operatori, colpendoli anche con bottiglie di vetro. “Capita la situazione, siamo usciti subito di casa, allertando la centrale per ‘aggressione in corso’ e mettendoci in ambulanza a distanza di sicurezza, come anche riferitoci dalla centrale. Arrivati i carabinieri sul posto la signora comunque ha rifiutato le cure“, conclude l’autista.

Articoli correlati

Back to top button