Cronaca

Strage di Corinaldo: uno degli arrestati ha legami con i “casalesi”

Uno degli arrestati per la strage di Corinaldo, si chiama Ugo Di Puorto, ed è figlio di Sigismondo, detto Sergio, arrestato nove anni fa per i suoi legami con i “casalesi”.

Strage di Corinaldo, ci sono legami con il clan dei “casalesi”

Ugo Di Puorto è uno dei 7 arrestati per la strage di Corinaldo. Dopo un giorno dall’arresto emergono particolari inquietanti. Di Puorto, infatti, è figlio di Sigismondo, detto Sergio. L’uomo è attualmente in carcere da 9 anni per i suoi legami con il clan dei “casalesi”, in particolare con Nicola Schiavone, figlio di Francesco, boss dei casalesi, conosciuto come Sandokan.

Il profilo Facebook di Ugo Di Puorto, dai “casalesi” a Corinaldo

Nel profilo Facebook del giovane Ugo, attualmente oscurato dal social network, c’erano alcuni riferimenti al padre in galera. I ‘modenesi’ arrestati ieri per i fatti di Corinaldo, non sarebbero gli unici rapinatori che operano nel centro nord Italia con le stesse modalità. Lo ‘strappo’ di catenine e oggetti d’oro a concerti o raduni, con l’aiuto degli spray al peperoncino per creare caos o garantirsi la fuga.

L’inchiesta della Procura di Ancona

Dagli atti dell’inchiesta della Procura di Ancona emergono nuovi particolari. Erano almeno due le bande, quelle dei ‘genovesi’ e quella dei ‘torinesi’. Con queste altre bande c’era una forte rivalità, ma anche una forma di rispetto. Non sono mancati episodi di ritorsioni e liti ma nonostante ciò i gruppi erano in contatto fra loro sui social network, dove si controllavano a vicenda per dividersi tacitamente il territorio. I principali antagonisti erano i ‘genovesi’, con tanto di liti per delle rapine compiute in Veneto.

I fatti di Piazza San Carlo

Parlando di loro si fa riferimento anche al gruppo dei ‘torinesi’ del quale, a loro dire, fanno parte anche alcuni soggetti coinvolti nei fatti di Piazza San Carlo, in occasione della finale di Champions League, dove morirono due persone.

Articoli correlati

Back to top button