Cronaca

Investe e uccide un ciclista, poi scappa via: era senza assicurazione | A processo con rito abbreviato

Investe e uccide un ciclista, 59enne casertano a processo con rito abbreviato: l'anziano morì il 25 agosto del 2020

Ha investito e ucciso un anziano che procedeva tranquillamente per la sua strada in bicicletta all’estrema destra della carreggiata, guidava un’auto non assicurata ed è anche fuggito abbandonando la vittima al suo destino, ma ora dovrà risponderne a processo. Si avvicina il momento della giustizia per i familiari di Umberto Pariselli, 81enne di Cassino, in provincia di Frosinone, rimasto vittima di un tragico incidente stradale aggravato dalla pirateria stradale il 25 agosto 2020, poco prima delle 19, sulla Statale 430 “Valle del Liri”, nella frazione cassinate di San Cesareo.

Investe e uccide un ciclista, poi scappa via: rito abbreviato per un 59enne

Nell’udienza preliminare tenutasi mercoledì 3 novembre 2021, avanti il Gup del Tribunale di Cassino, Alessandra Casinelli, come da richiesta del Pubblico Ministero della Procura, Marina Marra, l’investitore, subito individuato dai carabinieri, un 59enne, di Rocca D’Evandro, è stato rinviato a giudizio con l’accusa di omicidio stradale aggravato dal fatto di non essersi fermato a prestare soccorso dandosi alla fuga.

Chiesto il rito abbreviato

L’imputato ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato. Nonostante l’evidenza del quadro probatorio a suo carico, fatto che non ha mancato di destare ulteriore amarezza nei congiunti dell’anziano, il “pirata” attraverso il suo legale ha cercato in ogni modo di alleggerire la sua posizione – rischia una pena pesante -, condizionando la richiesta dell’abbreviato al conferimento di una perizia cinematica per ricostruire la dinamica del sinistro, ritenuta invece, evidentemente, già chiara più che a sufficienza dal giudice, che ha rigettato l’istanza.

Gli è stata invece concessa l’unica “condizione” di poter escutere una testimone. La prima udienza del processo è stata fissata al 26 gennaio 2022, alle 13, in Tribunale a Cassino, sempre avanti la dott.ssa Casinelli, e potrebbe già essere pronunciata la sentenza.

Articoli correlati

Back to top button